fbpx
 

Dynamics 365 Business Central 2019: ecco la seconda release

Dynamics 365 Business Central 2019: ecco la seconda release

Dynamics 365 Business Central 2019: ecco la seconda release

Novità riguardo Dynamics 365 Business Central

Dynamics 365 Business Central offre una soluzione applicativa aziendale completa progettata e ottimizzata per le organizzazioni delle PMI.

Dal suo lancio nell’aprile 2018, Dynamics 365 Business Central ha visto l’adozione crescente da parte di organizzazioni che cercano di trasformare digitalmente le proprie attività.

Dall’aggiornamento di ottobre 2018, Business Central include anche le distribuzioni on-premise e nell’ultima versione relativa ad aprile 2019 è stato apportato un aggiornamento che migliora la produttività della suite per gli utenti.

L’ecosistema Independent Software Vendor (ISV) è importante per i clienti che desiderano soluzioni verticali o orizzontali per Business Central. Verranno quindi velocizzati gli aggiornamenti per questo ecosistema al fine di spostare i nuovi e i clienti esistenti sul cloud di Business Central.

I 5 punti di sviluppo che definiscono il secondo aggiornamento di Microsoft Business Central

Per raggiungere questo obiettivo, i seguenti punti di sviluppo definiscono l’aggiornamento del 2° rilascio del 2019:

    1. Fondamenti del servizio: sarà rivolta molta attenzione su prestazioni, affidabilità, sostenibilità e sicurezza poiché è essenziale garantire che la qualità del servizio rimanga più importante della crescita nel suo utilizzo. L’accessibilità, già in una posizione di forza, continuerà ad essere preservata.
    2. Client moderno: con la versione 2 del 2019, gli utenti accedono a Business Central dal browser, app desktop di Windows 10, app mobile su Android e iOS o in Outlook. La versione 2 del 2019 è la prima versione che non include il client Dynamics NAV collegato a Business Central (noto anche come client Windows). I client moderni ora supportano così tante funzionalità di produttività che il client Windows non verrà più utilizzato per Business Central in futuro. Il client Dynamics NAV legacy rimane invece supportato nell’aggiornamento di aprile ’19 e nelle versioni precedenti in linea con il ciclo di vita del supporto.
    3. Strumenti moderni per gli sviluppatori: la versione 2019 wave 2 è la prima che non include il classico ambiente di sviluppo (noto anche come C/SIDE). La moderna esperienza di sviluppo basata su Visual Studio Code con Azure DevOps e sul linguaggio AL che supporta un approccio alla personalizzazione basato su estensioni, ora supporta lo sviluppo di app di grandi dimensioni, come ad esempio quella di base di Microsoft. Per questo motivo l’ambiente di sviluppo C/SIDE è stato interrotto per Business Central. Il classico ambiente di sviluppo rimane supportato nell’aggiornamento di aprile 2019 e nelle versioni precedenti in linea con il ciclo di vita del supporto.
    4. Potenzia l’accelerazione ISV: l’aggiornamento della versione 2 del 2019 offre una serie di funzionalità progettate per semplificare lo sviluppo ISV per nuove soluzioni e, in particolare, per semplificare la migrazione dal modello di personalizzazione del codice sorgente di Dynamics NAV a Business Central. Il business di Dynamics NAV è stato guidato da solide soluzioni ISV verticali, circondate da soluzioni aggiuntive. Per l’aggiornamento della versione 2 del 2019, il nostro obiettivo sarà semplificare il percorso degli ISV per portare le loro soluzioni e, a loro volta, i loro clienti a Business Central online.
    5. Strumenti di migrazione dei clienti: dopo aver abilitato gli ISV di Dynamics NAV per portare le soluzioni a Business Central online, il passo successivo è semplificare il viaggio per i clienti esistenti di Dynamics SMB provenienti da Dynamics NAV, Dynamics GP o Dynamics SL per migrare dalle loro attuali soluzioni locali a Business Central online. Esiste già una serie di strumenti che saranno migliorati con la versione 2 del 2019.

 

L’estensione limitata alle localizzazioni online di Business Central è prevista per la versione 2 del 2019, al fine di dare priorità al funzionamento dei fondamenti del servizio prima di espandere l’impronta del servizio. Ulteriori localizzazioni sviluppate dai partner verranno aggiunte dopo la versione 2 del 2019.